Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 46 del 21 novembre 2018

Precedente | Successiva

ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI CONSIGLIERI ANGELETTI, GREGORINI, PIERFEDERICI, FILERI, SARDELLA, BRUCCHINI, SANTARELLI AD OGGETTO: “CONTRARIETA’ AL DECRETO LEGGE 113/2018”

Il SINDACO: forse non sarei intervenuto perché sottoscrivo non solo l’ordine del giorno ma ogni singola parola che il consigliere Simeone Sardella e la presidente della commissione Margherita Angeletti hanno già messo a disposizione, quindi il mio intervento è il vostro, non c’ho niente da aggiungere o non avrei niente da aggiungere se la Consigliera Martinangeli non aprisse una stagione nuova dei percorsi parlamentari, cioè un decreto legge non conta nulla [si registra un contraddittorio fuori microfono] lo dico capendo anche la difficoltà, un decreto legge conta poco perché deve avere un approfondimento parlamentare e allora un ordine del giorno del Comune di Senigallia assume un grande valore perché può orientare il dibattito, io non sono mai per fare gli ordini del giorno inefficaci che non riguardano nemmeno l’attività, ci siamo aperti tante volte, non riguardano direttamente l’attività del Comune, non hanno ricadute quindi è inutile che noi ci pronunciamo perché non hanno efficacia. Io però prendo per buono questo momento di grande disponibilità parlamentare che dice abbiamo fatto il decreto, abbiamo scherzato, può darsi pure che lo cambiamo tutto, magari. Perché vedete io ripeto non entro nel merito e non lo voglio fare, così almeno rimane a verbale Presidente, io non c’ero quando si è votato l’ordine del giorno rispetto alla modifica del Regolamento nostro sull’accesso alle graduatorie delle case popolari perché avevo un altro impegno istituzionale, il Sindaco ha tanti impegni e va dappertutto, dai tagli dei nastri, prima mi dicevano che tagliavo i nastri, troppi, dopo taglio i nastri e faccio tante altre cose, ma ci sono ugualmente, ma non solo, lascio testimonianza, io avrei votato contro l’ordine del giorno, così ci chiariamo, il Sindaco potrebbe rimanere coperto ma il Sindaco non è mai rimasto coperto in vent’anni rimane coperto adesso, votavo contro, quindi se Liverani mi devo aggiungere che mi aggiungesse, anzi mi metta in cima perché lo sanno tutti qui come la penso, quindi in cima, anzi se posso dire oriento pure e quindi sono molto orgoglioso, ma con le motivazioni, non di pancia, non faccio le cose di pancia. Su questo non faccio le cose di pancia, ma io tocco solo due temi, tutto il resto condivido e lo sottoscrivo, SPRAR. SPRAR non ha ricaduta nella nostra città e nel nostro territorio? Bene, lo vedremo, verbale Presidente, lo vedremo, faccio come sempre, lo vedremo se non c’è ricaduta, cancellate lo SPRAR e poi vedete cosa succede, dopo li togliete voi, dopo non rifate gli ordini del giorno che dicono i parcheggiatori abusivi a Mangialardi, no voi li togliete adesso, li togliete voi, fatemi vedere come siete bravi, fatemi vedere come li togliete, non li voglio, toglieteli, poi è un altro tema che non li voglio, ma io formalmente non li voglio, toglieteli, governate voi, prima governavano gli altri e non erano capaci, governavo io non ero capace, toglieteli voi. Che nessuno si permetta di individuare un CAS in questa città, che nessuno si permetta, non sono disponibile, e dico pure che parlo a nome, visto che ho tante casacche e le rappresento, che non lo facessero nemmeno negli altri Comuni perché quelli che arrivano e arrivano di meno grazie alle politiche che abbiamo messo in campo prima, dopo le possiamo criticare, ma ne arrivano di meno, ma quelli che arrivano non è che qualcuno dice al Sindaco Mangialardi adesso ho individuato le aree te li metto lì e facciamo i campi di concentramento perché io non li voglio qui, chiaro? Perché i CAS sono quelli, ha ragione quando la consigliera Margherita Angeletti lo descriveva, noi abbiamo fatto processi diversi, Mangialardi è andato in giro per le Marche e per l’Italia per sensibilizzare i Comuni per l’ospitalità diffusa a 3 per mille, 3 ogni mille abitanti penso che sia un numero che dovremo comparare, noi che l’Europa non ci piace perché ci manda le letterine e adesso ci arrivano anche quelle di Babbo Natale, dovete andare a vedere quanti ce ne sono in Germania o in Francia accolti per numero di abitanti. Quello è il tema ma lo rimando dopo, aspetto come sempre con l’indice, io vi aspetto tra un po’ e poi ne riparliamo quanto siete stati bravi a cancellare i processi che funzionano, uno può pensare come vuole ma quando i processi funzionano vanno rafforzati, poteva dire io non li faccio arrivare ma in quei processi che quando sono qui rafforzo lo SPRAR perché quello non lo mette 50 a Marzocca dentro le colonie Porcelli, come volevano fare, lo SPRAR fa un’altra cosa, chiama le amministrazioni e condivide i progetti, questo non ci piace? Ci rivediamo, tanto lo sapete che lo faccio, ci rivediamo quando è ora e dopo basta che non mi dite tocca a te perché tocca a voi. Poi è un fatto di ordine morale, Martinangeli ha già detto che lo correggeranno, hanno scritto che chi ha la cittadinanza ha una cittadinanza di serie A e una di serie Z, non mi chiederà mai nessuno, dopo fate come volete, di togliere la cittadinanza a qualcuno perché non è scritto nella nostra Costituzione, non è scritto nella nostra Costituzione, mettono sub iudice una cittadinanza, consegna la cittadinanza, devi fare il bravo, il bravo per cinque anni, fai il bravo, perché i nostri che hanno la cittadinanza sono bravi? Io penso che chi fa un atto del genere dovrebbe essere messo sotto accusa perché la Costituzione nostra non dice quello, non lo dice e nemmeno i nazisti facevano una cosa del genere, nemmeno i nazisti, guardate rifletteteci tutti, sul resto possiamo discutere, guardate, ma questa è una cosa terribile, qualcuno chiede ti do la cittadinanza, non è che incremento semplicemente le regole di accesso, non è che verifico con altri strumenti, devi conoscere bene la lingua italiana che era un tema, poteva essere un tema, devi superare un esame, è un tema, no ti do la cittadinanza e te la tengo sub iudice, devi fare il bravo, negro devi fare il bravo, negro devi fare il bravo [si registra un contraddittorio fuori microfono] ho finito, ma non lo dico io, lo dice la Costituzione che non è possibile [si registra un contraddittorio fuori microfono] lei vergogna se lo guardi allo specchio Consigliere Martinangeli, si guardi allo specchio, c’è un fatto personale lo eserciti, negro stai attento perché sei sub iudice, qual è il reato che devi commettere per farti togliere la cittadinanza? Ti devi comportare bene, tu negro devi comportarti bene. Si dà atto che esce il Consigliere Santarelli: Presenti con diritto di voto n. 21.