Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 49 del 14 febbraio 2019

Precedente | Successivo

SENTENZA N. 130/18 DEL 13.11.2018 REP. 125/18 DEL GIUDICE DI PACE DI SENIGALLIA NELLA CAUSA PROMOSSA DA ALU’ MARIA ROSA CONTRO IL COMUNE DI SENIGALLIA. SOCCOMBENZA DELL’ENTE E RICONOSCIMENTO DEL DEBITO FUORI BILANCIO.

Il SINDACO: non entro in merito dell’oggetto però mi sento quasi per fatto personale Paradisi, non è così intervengo, lunedì mattina pubblicano e si procede, così almeno non domani ma lunedì. Abbiamo perso un anno, lo ammetto e dico pure che è dal 4 di marzo che non abbiamo il nostro avvocato, non 4 marzo 2019, 4 marzo 2018 quindi tutto il 2018 chi doveva lavorare rispetto a questo percorso purtroppo per malattia, mi spiace, per infortunio anzi, così almeno son più chiaro, lunedì così almeno tiriamo una riga, procediamo dando seguito a quel bel lavoro che abbiamo fatto, che mi ha convinto, che ha tagliato con una modalità insopportabile del passato e rispetto al quale questo Consiglio comunale da semplice denuncia è diventato anche grande proposta che abbiamo esteso anche ad altri soggetti che sono come la Fondazione e del quale sono veramente orgoglioso. L’impegno che ovviamente al segretario trasferisco, che lunedì si dia seguito all’ultimo pezzo perché mi spiace però bisogna a un certo momento chiudere anche se non siamo nel pieno delle forze di organico in modo strutturato, come chiudiamo le buche quando invece di dieci siamo in tre, tagliamo l’erba quando invece di 40 siamo in 8, qui uno meno uno però lunedì verrà pubblicato. Ci tenevo perché era un momento importante rispetto al quale il Consiglio comunale aveva dato un indirizzo preciso, raccolto anche dal mio consigliere delegato che ci aveva lavorato con voi e penso che da quella chiusura di quella procedura possa venire la soddisfazione e la vera trasparenza per tutti. Il Consigliere PROFILI (Obiettivo Comune) rispondo a Sartini perché per il resto ha già risposto il Sindaco, sulle difficoltà che ci sono state nel corso dell’anno 2018. A Sartini vorrei rispondere questo, in merito alla quantificazione delle spese legali lo possiamo fare tranquillamente però naturalmente per la privacy senza riferire le parti dobbiamo dire che tra le sentenze positive bisogna guardare anche il valore delle cause che sono state definite e allora mi permetto solo di dire che ci sono cause definite positivamente anche di valori superiori a 10 milioni di euro o di oltre 700.000 euro, quindi la riflessione che lei faceva in riferimento alle spese legali come dire quante ne abbiamo pagate e quante ne dovremmo riscuotere è relativa perché poi secondo me bisogna guardare anche il merito delle questioni e anche il valore delle questioni decise, per questo io mi sono sentita di riportare anche questi dati, comunque le possiamo riportare tranquillamente.