Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 50 del 21 marzo 2019

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: "DRAGAGGIO FOCE DEL FIUME MISA"

Il SINDACO: Presidente mi coglie in contropiede perché a fatica mi ero prenotato per rispondere al Consigliere Martinangeli, al consigliere Rebecchini e al Consigliere Mandolini, a fatica, siccome però i consiglieri meritano rispetto, chi decide che questo è il luogo per confrontarsi, chi decide che la politica sia preminente rispetto a tutto, chi decide che gli scontri possono essere esacerbati e difficili e anche violenti come spesso ci capita, merita rispetto, chi invece decide che i luoghi siano altri e che sta qui dentro, come ha dichiarato, per fatti propri, lo metto a virgolette e a verbale, non merita questo tipo di rispetto e quindi Presidente se va in Commissione va in Commissione, si dicono un sacco di banalità, un sacco di stupidaggini, un sacco di elementi non veri che finché uno ne dibatte qui rimangono nella politica, quando invece viene tutto esasperato e si pensa sempre che di fronte non ci sia l’avversario ma ci sia il nemico da annientare, da uccidere e lo fa come facevano i crociati con la croce magari messa davanti, mi dovete perdonare da parte mia da oggi in avanti risponderò sempre a quei consiglieri che han deciso che il Consiglio comunale vale, e mi dispiace lo dico per chi mi conosce, lo faccio con grande difficoltà, però non si può concedere tutto a tutti perché la cattiveria merita la scomunica, non lo dico io, lo ha detto il Papa. Sulla richiesta del consigliere Rebecchini io sono disponibile a fare in Commissione, lo dico al Presidente della Commissione, tutto quello che volete. Chiamiamo i professionisti competenti, quello che serve per non rendere banale che esiste una barra alla foce, è un problema, esiste un’isola grossa come una casa davanti a via Mastai o alla curva del lavatoio, non la vede nessuno perché tutti fan finta perché si presume che l’altra sia di competenza del Comune e allora dobbiamo dire che quello è il problema, quell’altro invece che è sicuramente della Regione come tutto il resto non si deve dir nulla, si devono vergognare per queste e per tante altre cose, quindi decidete voi liberamente, non ho niente più da aggiungere e non lo farò, così almeno ci capiamo, da qui fino alla presenza mia dentro questo Consiglio comunale perché ci vorrebbero ogni tanto anche le scuse, ogni tanto, che potrebbero essere anche preventive non a consuntivo perché il consuntivo poi non coincide con la compatibilità della vita nostra rispetto a quello che siamo perché i cattivi pensano sempre che uno ha una strategia politica e io non sto qui dentro come fa qualcun altro per motivi personali, mai, ho sbagliato in diverse occasioni ma mai stato mai per motivi personali, per difendere il sottoscritto.