Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 33 del 14 dicembre 2017

Precedente | Successiva

ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI CONSIGLIERI MARTINANGELI E PALMA AD OGGETTO: "MISURE PER ATTUARE PARITA' E PARI OPPORTUNITA' TRA UOMINI E DONNE NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE"

Il Consigliere MANDOLINI (Movimento 5 Stelle): intanto per far notare che tutti coloro che sono intervenuti, pur sottolineando il fatto che la mozione in qualche modo non serva, la voteranno quasi come per paura di un qualcosa, uno strumentalizzare un voto, una questione. Io non penso che se come ha detto giustamente il consigliere Pierfederici non votare questa mozione uno non rispetta le donne o come prima sono stati elencati tutti i casi di femminicidio o tutti i casi importanti e gravi che sono accaduti in Italia o quelli che sono accaduti a Senigallia, scrivere negli atti il genere penso non serva a niente, diciamocelo molto francamente, quindi io non voterò la mozione perché non la ritengo utile, non serve a mio parere a limitare o in qualche modo a fare informazione, un conto era magari dire andiamo nelle scuole primarie a fare informazione, questa è un’altra cosa, ma negli atti pubblici scrivere Sindaca invece di Sindaco, Assessora invece di assessore non penso che serva a niente ai fini di sensibilizzare sulla questione. Detto questo ringrazio Vilma Profili perché ha fatto un ottimo intervento anche se non condivido il suo voto, però ha fatto un ottimo intervento, questo per dire ci sono dei lavori che sono sempre stati fatti da uomini il cui nome è sempre al maschile: ingegnere, dottore, avvocato, oggi donne che sono ingegnere, che sono dottori, che sono avvocati hanno raggiunto un obiettivo che donne di cinquant’anni fa neanche si sognavano di poter raggiungere e già solo il fatto che una donna venga chiamata a mio parere avvocato o avvocata è molto differente, cioè lo sminuisce il fatto, una donna ha lottato per arrivare a essere chiamata ingegnere, sta dentro il cantiere in mezzo a tutti uomini si fa rispettare in qualità di ingegnere e ha lottato per arrivare a quel livello che è un livello dove erano arrivati fino adesso solo uomini, chiamarla ingegnera a mio parere sminuisce questa cosa. In volontariamente il Consigliere Angeletti si è anche definita un medico affermato, l’ha detto involontariamente quindi questo lascia proprio intuire la cosa quindi a mio parere non serve questa mozione e non ha alcun significato votarla.