Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 5 del 21 ottobre 2015

Precedente | Successiva

INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE

Il Consigliere PARADISI (Unione Civica): la soddisfazione direi solo parziale perché evidentemente mi sembra che non è stato accolto il punto nodale della mia interrogazione perché il punto nodale della mia interrogazione non riguardava l’incarico, almeno il riferimento a Brunaccioni dato a monte, ma proprio la proroga, anche la proroga è un contratto a tempo determinato a tutti gli affetti tant’è che nel decreto sindacale che il sindaco ha firmato c’era proprio il mandato agli uffici di rifare il contratto alle stesse condizioni precedenti, quindi è comunque un contratto a tempo determinato, quindi anche le proroghe sono comunque soggette a una valutazione comparativa che in questo caso non c’è stata. Quanto ai mezzi con i quali io sarei entrato in aree in cui non dovevo entrare quindi ce l’avrei con il Comandante Brunaccioni, beh io voglio ricordare che abitualmente quando commetto un’infrazione sono solito pagare l’infrazione che commetto, il nostro comando di polizia municipale conosce benissimo le mie targhe, tutti i miei mezzi tant’è che spesso me li trovo multati o addirittura portati in ricovero via, quindi sono cose abitualmente che succedono, quasi sempre a me, sicuramente un caso, ma ho sempre pagato, dove non lo ritenevo giusto ho adito la giustizia ordinaria, tre volte vincendo, una volta perdendo, quindi credo di essere, alla fine del bilancio del mio rapporto con l’Amministrazione della giustizia, penso di essere un cittadino estremamente corretto, laddove ho sbagliato ho pagato, laddove hanno sbagliato gli altri non hanno pagato gli altri perché poi i giudici compensano le spese, quindi ho sempre pagato io, quindi anche quando l’amministrazione aveva torto il giudice ha compensato le spese ho pagato io, però almeno la soddisfazione la soddisfazione morale. Rispetto al Comandante Brunaccioni che io stimo per tante cose che ha fatto, condivido con il Sindacoquando dice che dice il comandante Brunaccioni è persona comunque estremamente competente, sicuramente ha guidato bene il Comando di Polizia Municipale in questi anni, su questo siamo perfettamente d’accordo, però nella fibrillazione devo dire della campagna elettorale il comandante Brunaccioni forse sentendo questa pressione digitale del segretario del PD si è lasciato un po’ troppo andare devo dire e ha parteggiato in modo a mio avviso inaccettabile per una parte politica rispetto a un’altra quando il suo ruolo gli avrebbe imposto in realtà di essere più equilibrato. Non ce l’ho con lui, ovviamente è un fatto generale, quindi invito la pubblica amministrazione da oggi in poi ad agire in questi termini, soprattutto motivando poi le scelte con criteri si discrezionali ma non arbitrari, questo lo ritengo assolutamente fondamentale, valutando anche la storia e le circostanze in cui sono incappati o in cui in qualche modo rientrano le vicissitudini di alcuni dirigenti, anche quando si andrà a rifare procedure comparative ad esempio con incarichi per i servizi pubblici e urbanistica, credo che lì la procedura comparativa e la storia personale, le vicissitudini personali, familiari eccetera debbono essere in quella procedura comparativa valutate, perché lì ci rivedremo, come si diceva e si dice una volta, ci rivedremo a Filippi proprio su quella tematica. Si dà atto che entra l’Assessore Ramazzotti.