Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 50 del 21 marzo 2019

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI ANGELETTI, PROFILI, PEDRONI, BRUCCHINI, GREGORINI DIRETTA ALLA PREVISIONE DI MISURE FINALIZZATE A TUTELARE LA SALUTE DEI GIOVANI E A CONTRASTARE FENOMENI DI DIPENDENZA

  • Bucari, Simonetta
    Assessore con delega alla cultura e beni culturali, istruzione e politiche dell’educazione
    Monitorato da 19 cittadini
L’Assessore BUCARI: ringrazio innanzitutto i Consiglieri che hanno proposto questa mozione, ne abbiamo già fatto un approfondimento in Commissione consiliare e devo dire anche un lavoro successivo poi all’interno degli uffici delle politiche educative e delle politiche giovanili. Grazie perché ci permette di fare un focus sul mondo adolescenziale, il mondo giovanile di cui tutti siamo perfettamente consapevoli che necessiti di attenzioni e di un impegno puntuale che aiuti a prevenire e ad attenuare quell’inquietudine che è un po’ propria dell’età ma che come i dati che abbiamo letto ma insomma ormai sappiamo purtroppo, le statistiche insomma ci sono note, fotografo e lanciano un vero e proprio allarme sull’aumento delle dipendenze da parte dei nostri ragazzi. Per cercare quindi di contrastare questo disagio giovanile l’Amministrazione comunale in concerto con le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, con l’azienda sanitaria, con il consultorio e dipartimento delle dipendenze patologiche, con il Garante dell’infanzia e dell’adolescenza, con l’Ordine degli psicologi delle Marche, l’Ordine regionale, quindi tanti attori abbiamo cercato e stiamo cercando sempre di coinvolgere per promuovere e intraprendere delle azioni nel campo delle politiche educative, sociali, sportive, per offrire validi percorsi formativi ai nostri ragazzi. E allora mi piace, penso che questa possa anche essere l’occasione, per condividere i tanti percorsi messi insieme. Proprio in questi giorni si sta ultimando un percorso che si chiama “Niente da capire” ma che in modo particolare quest’anno abbiamo voluto intitolare “alcool scienza itinerari fra fragilità e risorse” ed è un percorso, un progetto che è stato pensato con i docenti delle scuole secondarie, con la dottoressa Agostinelli e Sparvieri del dipartimento dipendenze patologiche dell’Asur, un progetto che riguarda ad oggi 300 ragazzi quindi tutti i nostri istituti e licei delle scuole secondarie sono stati coinvolti. Contemporaneamente sta anche andando avanti un altro progetto che coinvolge, come diceva il consigliere Mandolini, coinvolge anche i genitori perché un soggetto importante quando parliamo dei ragazzi non possiamo dimenticarci delle famiglie e allora il progetto famiglia forte per il contrasto del disagio giovanile nell’ambito di un bando welfare famiglia che prevede proprio dei punti di ascolto, degli sportelli di consulenza per i ragazzi, per i docenti e per i genitori all’interno anche delle nostre scuole. Tanti progetti sono stati realizzati anche in collaborazione con il consultorio, sono progetti di educazione alla affettività e alla sessualità legati ad altro ma che sempre hanno come soggetto i nostri ragazzi, a fianco a questi e ad altri progetti che adesso sarebbe troppo lungo da elencare abbiamo voluto anche promuovere dei progetti che puntino al protagonismo giovanile perché l’azione messa in campo dall’Ufficio delle politiche giovanili rappresentato dal consigliere Beccaceci e dall’assessorato alle Politiche educative si è mosso su due binari, uno quello di cercare di affrontare direttamente il tema della dipendenza e con i ragazzi cercare di esplorarlo con l’aiuto di psicologi e di operatori competenti, dall’altro però abbiamo anche voluto promuovere azioni dove i nostri ragazzi diventino protagonisti per suscitare interessi, promuovere passioni perché crediamo che spesso il tema della dipendenza, del disagio, nasca anche da un vuoto interiore e quindi occorre sì curare ma bisogna anche riempire questo vuoto e allora ecco che proprio in questi giorni stiamo aderendo a un bando regionale “Villaggio giovani” con la partecipazione e il coinvolgimento della nostra Consulta dei giovani, delle nostre band giovanili, con una rassegna musicale che troverà il suo primo palcoscenico nella Festa della Musica quindi il 21 giugno e che metterà in campo sia il linguaggio musicale, quindi con la realizzazione di una vera e propria rassegna legata alla musica e ai giovani ma che toccherà anche altri linguaggi come quello delle arti visive, arti fotografiche, multimediali proprio per cercare di coinvolgere il maggior numero possibile dei nostri giovani. Ringrazio, nel concludere il mio intervento, ringrazio i proponenti della mozione che naturalmente ci trova concordi e ci trova al loro fianco nell’assumerci gli impegni che sono stati proposti e indicati dalla mozione.