Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 50 del 21 marzo 2019

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI GIULIANI, SANTARELLI, PERINI, PEDRONI, ANGELETTI, FILERI, BRUCCHINI DIRETTA ALL'ADOZIONE DELLA NUOVA CARTA DEI DIRITTI DELLA BAMBINA

  • Bucari, Simonetta
    Assessore con delega alla cultura e beni culturali, istruzione e politiche dell’educazione
    Monitorato da 19 cittadini
L’Assessore BUCARI: intervengo sul tema ringraziando innanzitutto i proponenti di questa mozione che come ha ribadito il presidente rappresenta un atto di indirizzo per la Giunta e per l’amministrazione. Devo dire senza andare nel dettaglio dei singoli articoli penso che il senso globale di questa mozione sia ampiamente condivisibile, non si tratta di Italia o di Paesi civili o non civili, io penso che alla base di questa Carta dei diritti delle bambine ci sia la promozione di una educazione alla affettività, un’educazione al rispetto della persona, alla consapevolezza dei diritti e alla promozione, come abbiamo letto, di una parità sostanziale tra i sessi, valorizzazione delle differenze tra bambini e bambine e superamento degli stereotipi di genere. Proprio per questo, proprio perché è un atto di indirizzo a cui la nostra amministrazione già corrisponde con delle azioni pratiche, mi piace ricordare che proprio domani in biblioteca comunale ci sarà un incontro a cui hanno aderito ben 120 ragazzi delle nostre scuole di primo e secondo ordine sulla valorizzazione delle differenze di genere perché questo è il compito che abbiamo, quello di educare al superamento degli stereotipi che purtroppo sappiamo sono duri a morire perché fanno parte della nostra cultura e per cambiare ciò occorre un cambiamento culturale. Il cambiamento culturale spetta alle scuole, spetta ai genitori, spetta alle istituzioni e spetta a tutte le agenzie educative, quindi conoscere e promuovere questa Carta dei diritti della bambina significa improntare anche l’azione pubblica e per questo mi sento di condividere e di ringraziare i proponenti.