Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 43 del 31 luglio 2018

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE PER LA STABILIZZAZIONE DELL'UOC DI GASTROENTEROLOGIA A TUTELA DELLA FUNZIONALITA' DELL'OSPEDALE DI SENIGALLIA

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): vorrei intervenire anche per spiegare meglio sia ai consiglieri che siedono in questa Assise che ai cittadini presenti in quest’Aula oppure ai cittadini che ci vedono in collegamento perché indossiamo questa maglia in cui si legge “abbiamo a cuore il nostro ospedale”. Le nostre lotte in materia di sanità pubblica portate avanti come gruppo consiliare e come gruppo politico a livello nazionale, la nostra politica di salvaguardia della sanità pubblica e di tutela dell’ospedale cittadino contro lo smantellamento di molti servizi socio sanitari locali parte fin dal nostro insediamento nel 2015. Tra i numerosi atti discussi a nostra firma ricordiamo la mozione sulle liste d’attesa che è stata proposta nel 2015 con la quale richiedevamo un impegno per il Sindaco e la Giunta assolutamente conforme a quelli che erano gli obiettivi sanitari degli enti del Servizio sanitario regionale per l’anno 2015 che erano stati definiti dalla nuova Giunta della Regione Marche con sua delibera di Giunta regionale numero 665 del 7 agosto del 2015. Allora in quella mozione chiedevamo di promuovere semplicemente una campagna informativa efficace ed adeguata volta a far conoscere ai cittadini i loro diritti e quali erano altresì i doveri dei soggetti interessati ai fini delle prescrizioni, ai fini delle prenotazioni, ai fini dell’erogazione delle prestazioni sanitarie, tutto comunque conformemente a quanto appunto definito dagli obiettivi sanitari degli enti del Servizio sanitario regionale per l’anno 2015. Fin da allora questa veste di promozione e di verifica fu respinta dal nostro Sindaco e la nostra mozione fu respinta nonostante fosse estremamente conforme. Siamo inoltre intervenuti per richiedere al Sindaco ed ai Consiglieri di sostenere l’iniziativa referendaria promossa a livello regionale con il procedimento indicato dalla legge ovviamente per riequilibrare le competenze in campo sanitario risultate, a seguito degli interventi normativi degli ultimi anni, totalmente sbilanciate a favore della Giunta regionale a scapito dell’Assemblea legislativa, con ciò sottraendo chiaramente al dibattito democratico e dalla conseguente condivisione una materia di così fondamentale importanza per tutti i cittadini quale la sanità. Anche questa iniziativa ha ricevuto la porta in faccia da parte del nostro Sindaco ed è stata respinta al mittente, quindi la Giunta ha avuto tutti i poteri, non la Giunta Spacca, la Giunta Ceriscioli, ha avuto tutti i poteri di intervenire in modo determinante sulla sanità locale. Voglio ricordare ancora la nostra mozione per la risoluzione della situazione di difficoltà organizzativa dell’Unità Operativa di Patologia clinica ossia il laboratorio di analisi o la mozione per la collocazione del defibrillatore di pubblico accesso, il PAD, in luogo aperto e accessibile, voglio ricordare i nostri interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle strutture ospedaliere sanitarie locali, inoltre le nostre battaglie per l’UTIC, infine direi le nostre battaglie per l’UTIC dell’ospedale di Senigallia che sono sfociate in Consiglio regionale, lo ricordo all’assessore che sembra qui ignorare tutto l’iter che c’è stato in Consiglio regionale, ma non è molto lontano Assessore il Consiglio regionale, basta collegarsi e uno sa quali atti vanno in votazione, quali atti in Commissione o quant’altro, non è difficile, potrei anche inviarle il link. Queste nostre battaglie sull’UTIC che sono sfociate in Consiglio regionale il 28 maggio 2018, cosa significa? Partite dai territori, qui dall’ospedale di Senigallia, dai consiglieri, dai comitati per la salvaguardia, per la difesa dell’ospedale di Senigallia, partiti da qui e sostenuti in Regione con una mozione che appunto è stata discussa il 28 di maggio 2018, la mozione 335 del portavoce Movimento 5 Stelle Piergiorgio Fabbri sul ripristino immediato, questo era l’oggetto Assessore magari se lo vada a rileggere che non è tanto fumosa la questione, non è qualcuno a caso, ripristino immediato della unità operativa di cardiologia UTIC del presidio ospedaliero dell’Area Vasta 2 sede di Senigallia. L’esito lo conoscete tutti perché lo stesso Volpini chiaramente, questa mozione è andata in Commissione, chiaramente c’è stato un buon accordo e questa è una questione ottimale che si vada finalmente tutti nella stessa direzione, però ora dire che è colpa di Spacca se ci troviamo nella situazione in cui ci troviamo mi sembra un po’ esagerato, siamo tutti contenti che stiamo andando nella stessa direzione e voglio ricordare che questo esito costituisce un grande risultato della partecipazione dei cittadini, [si registra un contraddittorio fuori microfono] no eh, sì Sindaco perché questi cittadini si sono mobilitati continuamente, sono stati con il fiato sul collo e dietro a loro o avanti a loro o come vuole comunque su questi banchi ci siamo stati noi consiglieri dell’opposizione, siamo stati spesso ridicolizzati e anche derisi per le nostre battaglie che a volte avevano anche delle manifestazioni esteriori per provocare l’attenzione di questo Consiglio comunale, quindi, e lo ribadisco, una grande vittoria dei cittadini che hanno coinvolto, con le loro battaglie sul territorio, i nostri Consiglieri regionali e che in questo caso si sono adoperati per la migliore soluzione ai problemi in reparti fondamentali, problemi che sono stati creati da politiche a dir poco superficiali. Tutto questo significa che la partecipazione dei cittadini e il sostegno dei comitati sono un nostro punto di partenza per il nostro lavoro di consiglieri comunali ed è per continuare a sostenere i comitati cittadini che oggi indossiamo questa maglietta, siamo noi che ci facciamo voce loro su questi banchi ma la voce è loro, lo voglio ripetere, cioè i cittadini partecipi o riuniti in comitati sono le prime sentinelle del nostro territorio ed insieme a noi hanno cura del nostro ospedale e oggi siamo qui per continuare questa attività con questa mozione egregiamente esposta dalla consigliera Palma.